Tech

Il gigante della logistica Flexport licenzia 165 persone dall’ufficio di Bellevue come parte di tagli più ampi

I licenziamenti di Flexport stanno colpendo l'ufficio dell'azienda nell'area di Seattle, con 165 dipendenti interessati, secondo un nuovo deposito di lunedì presso il sistema WARN (Worker Adjustment and Retraining Notification) dello stato di Washington.
Il gigante della logistica la scorsa settimana ha annunciato un licenziamento del 20% a livello aziendale come parte di una ristrutturazione.
L'azienda non ha rivelato i dati dei dipendenti.
La CNBC ha fissato l’organico totale prima dei tagli a circa 3.500 persone, quindi circa 700 sono state colpite.
Secondo LinkedIn, Flexport ha più di 350 dipendenti nell'area di Seattle.
La società ha confermato a GeekWire che manterrà l'ufficio di Bellevue, descritto come "uno dei nostri principali centri di sviluppo tecnologico e prodotto".
"Parte della filosofia di ristrutturazione di Flexport era quella di creare una struttura organizzativa che rispondesse al meglio alle esigenze dei nostri clienti – dalle imprese alle PMI – e ci permettesse di muoverci rapidamente", ha detto un portavoce in una nota.
"I nostri team tecnici e di prodotto a Bellevue sono parte integrante di questa missione e continueremo a investire nelle soluzioni e negli strumenti per consentire il successo e la crescita dei clienti." Flexport ha aperto il suo hub di Bellevue nel 2019, subito dopo aver raccolto 1 miliardo di dollari.
La società sta attraversando un periodo tumultuoso.
Dave Clark, ex dirigente di Amazon di lunga data, entrato in Flexport lo scorso anno dopo una carriera di 23 anni con Amazon e amministratore delegato, se n'è andato con una mossa a sorpresa il mese scorso.
Anche molti altri ex amazzonici, tra cui molti residenti nell’area di Seattle, hanno lasciato l’azienda nelle ultime settimane.
Il fondatore di Flexport Ryan Petersen, che ora è amministratore delegato, ha scritto in una nota ai dipendenti la scorsa settimana che i tagli aiuteranno l’azienda a tornare alla redditività senza aumentare i prezzi o mettere a rischio il suo bilancio.
L'azienda ha avuto un licenziamento separato del 20% a gennaio.
Flexport è stato lanciato nel 2013 da San Francisco, dove ha sede.
L’azienda mira a rivoluzionare le tradizionali società di spedizioni con un approccio digitale.
Offre servizi tra cui trasporto marittimo, aereo, via camion e ferroviario, drayage e trasporto, magazzinaggio, dogana e conformità, finanziamento e assicurazione e altro ancora.
Il rallentamento del mercato del trasporto merci sta influenzando diverse startup logistiche.
Flexe, con sede a Seattle, diventata un “unicorno” lo scorso anno dopo aver raccolto 119 milioni di dollari, il mese scorso ha licenziato il 33% del suo personale.
Il mercato digitale di autotrasporti di Seattle Convoy, un altro unicorno, ha licenziato dipendenti più volte nell’ultimo anno.
È un ambiente diverso rispetto al 2021, quando i finanziamenti alle startup logistiche sono quasi raddoppiati anno dopo anno a causa di un’impennata degli acquisti online determinata dalla pandemia e di maggiori volumi di merci.
La più ampia recessione tecnologica ha provocato migliaia di licenziamenti in tutto il settore tecnologico, anche se i tagli hanno subito un rallentamento negli ultimi mesi.
Storia aggiornata con la dichiarazione di Flexport.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d