Tech

Il cofondatore della startup di Seattle si unisce all'esercito israeliano in guerra: "Non posso semplicemente restare da parte e non fare nulla"

Quando Boaz Arbel si è svegliato sabato con la notizia di ciò che stava accadendo in Israele, ha capito subito che avrebbe dovuto tornare indietro e trovare un modo per difendere la sua patria.
Arbel ha preso un volo di 10 ore da Boston a Tel Aviv e martedì ha lavorato come coordinatore tra l'aeronautica israeliana e le forze di terra in prima linea nella guerra in rapida escalation di Israele contro i militanti di Gaza e Hamas.
"L'entità dell'attacco, il numero di vittime, il numero di civili portati oltre il confine dai terroristi – è stato incredibile", ha detto Arbel a GeekWire tramite una chiamata Zoom martedì.
“Ho capito subito che dovevo fare qualcosa.
Non posso semplicemente starmene da parte e non fare nulla.
È stato un gioco da ragazzi.
All'arrivo in Israele, ha avuto appena il tempo di visitare la famiglia a Herzliya, appena a nord di Tel Aviv, dove è cresciuto.
CORRELATO: Il CEO di Amazon definisce “scioccanti” gli attacchi contro i civili in Israele, afferma che la società sosterrà gli sforzi di soccorso “Ho baciato i miei genitori, li ho abbracciati e sono corso alla base.
Sfortunatamente non c'è tempo da perdere”, ha detto Arbel, che questa settimana è stato anche intervistato da una stazione televisiva di Boston.
Arbel, 53 anni, è un dirigente tecnologico con sede a Needham, Massachusetts, co-fondatore e chief revenue officer di Worknet, una startup con sede a Redmond, Washington, che aiuta le aziende a integrare la comunicazione esterna in Slack e Microsoft Teams.
L’azienda è emersa dalla modalità stealth quest’estate con un finanziamento di 5 milioni di dollari ed è guidata dal CEO Ami Heitner, ex dirigente di SAP e Microsoft che ha co-fondato la piattaforma di apprendimento automatico Komiko.
Heitner, anch’egli israeliano e ufficiale dell’aeronautica israeliana, ha detto che lui e i suoi colleghi sono “immensamente orgogliosi e sostengono pienamente la decisione di Boaz”.
"In questi tempi difficili per Israele, individui e aziende hanno l'opportunità di dimostrare i loro veri valori e priorità", ha detto Heitner a GeekWire.
“Chiaramente, questa è la scelta giusta.” Arbel si unisce alle sue quattro figlie, di età compresa tra 21 e 26 anni, che si sono tutte diplomate nelle scuole superiori dell'area di Boston e ora prestano servizio nelle forze di difesa israeliane.
Ha detto che sua moglie, Naomi, che lavora per un'organizzazione no-profit chiamata Friends of the IDF, "ha molto di cui preoccuparsi".
Lo stesso Arbel si arruolò nell'IDF quando aveva 18 anni, come è previsto dalla legge per ogni cittadino israeliano.
Prestò servizio per sette anni e poi rimase come navigatore da caccia di riserva nell'aeronautica israeliana.
Ha vissuto a Monaco, in Germania; ad Abidjan in Costa d'Avorio; e ha conseguito il master a Birmingham, in Inghilterra.
All'età di 40 anni, dopo 22 anni di servizio attivo, Arbel si è trasferito negli Stati Uniti.
La sua esperienza tecnologica in Massachusetts include ruoli presso Profitect, Logz.io e MaiView.
"Non c'è nessun posto come Israele, e sarà sempre casa", ha detto.
“Siamo diventati residenti e cittadini americani e ora vediamo l’America come la nostra casa.
Ma va bene che abbiamo due case.
E sono disposto a fare per l’America quello che sto facendo per Israele”.
Ritornare al servizio militare attivo non è stato facile come decidere di salire su un aereo.
Arbel ha detto che ci è voluto un po' di sforzo per trovare contatti con persone disposte a trovargli un ruolo.
Il merito è di un funzionario convinto che fosse giusto pensare fuori dagli schemi per ottenere risultati straordinari.
Ha detto che la mentalità può essere tipica degli israeliani e si manifesta nella solida scena tecnologica del paese.
"Penso che sia questo il motivo per cui Israele è diventata una nazione startup", ha detto Arbel.
“Se pensassi di dover servire, non c'è modo che qualcuno mi ostacoli.
Troverò un modo per farlo in una unità o nell’altra, in questo incarico o in un altro”.
E se una posizione militare non avesse funzionato, Arbel avrebbe trovato un ruolo civile da assumere, facendo volontariato in un ospedale o consegnando rifornimenti per i soldati in prima linea, o qualsiasi altra cosa fosse necessaria.
Arbel è uno dei tanti dipendenti di startup tecnologiche, sia in Israele che altrove, che stanno lasciando il loro lavoro quotidiano per unirsi alla guerra.
Worknet impiega 10 persone.
Oltre a Redmond e Boston, l’azienda ha team di ingegneri in Israele e a Varsavia, in Polonia, dove i dipendenti hanno ospitato i rifugiati provenienti dall’Ucraina dopo l’invasione russa.
“E ora [Israele] è sotto attacco”, ha detto Arbel.
“Immagina quanto sia difficile sedersi e cercare di fare un po’ di lavoro e concentrarsi quando sei in un rifugio antiaereo e ti vengono sparati addosso mortai e missili, e jet ed elicotteri volano dappertutto”.
Arbel definisce Worknet "snello e meschino" ed è ottimista sul fatto che la startup possa superare l'attuale incertezza economica negli Stati Uniti.
Crede che ciò che sta facendo rinforzi il messaggio ai dipendenti di credere e amare ciò che fanno, e che difendere qualcosa li rende migliori .
"Se lavori con persone che hanno valori, che sono disposte a sacrificare le loro comodità e il loro reddito per una buona ragione, per una ragione in cui credono, voglio lavorare con quelle persone", ha detto Arbel.
“Perché quando arriva il momento critico, so che possono mantenere i risultati.
Possono presentarsi nei momenti difficili.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d