Tech

Il CEO di Convoy fa i primi commenti pubblici sulla chiusura dell'azienda

Il CEO di Convoy, Dan Lewis, ha affermato che la sua azienda è arrivata al "limite di 1/2 yard" su due potenziali accordi di fusione e acquisizione prima che l'avvio del mercato degli autotrasporti chiudesse bruscamente.
Lewis ha rivelato questa intuizione su LinkedIn durante il fine settimana nelle sue prime dichiarazioni pubbliche da quando la scorsa settimana è arrivata la notizia del collasso dell'azienda.
Convoy ha detto ai dipendenti la scorsa settimana di aver trascorso gli ultimi quattro mesi a valutare varie opzioni strategiche in un contesto di recessione del trasporto merci in corso e di uno smorzamento dell’appetito degli investitori, in particolare per le startup non redditizie in fase avanzata.
Ma non è riuscita a trovare un accordo, costringendo l’azienda fondata 8 anni fa a chiudere le operazioni e a licenziare la maggior parte della sua forza lavoro in una delle più grandi implosioni di startup di Seattle mai viste.
Prima della scorsa settimana, Convoy contava circa 500 dipendenti, in calo rispetto a un picco di circa 1.500 persone.
L’azienda, che ha sviluppato tecnologia per abbinare camionisti e spedizionieri, ha raccolto 260 milioni di dollari in capitale proprio e debito di rischio con una valutazione di 3,8 miliardi di dollari solo 18 mesi fa.
CORRELATO: "I mercati ci hanno schiacciato": in un addio in lacrime ai dipendenti, i dirigenti di Convoy riflettono sulla chiusura Nikesh Parekh, un veterano della tecnologia di Seattle che ha venduto la sua ultima startup a Microsoft, ha scritto un post su LinkedIn su Convoy, attingendo alla sua esperienza di acquisto e vendita aziende.
"Quattro mesi non sono sufficienti per vendere a meno che tu non abbia già uno o due acquirenti in mano", ha scritto Parekh.
"Un processo di vendita ben gestito richiederà almeno 6-9 mesi." Ecco come ha risposto Lewis: “…abbiamo iniziato questo percorso rispetto ad altri grazie ad un credibile interesse in entrata all'inizio di quest'anno.
Avevamo forti rapporti con altre aziende che periodicamente chiedevano informazioni sugli accordi.
È stato un inizio caldo rispetto al semplice chiamare in giro.
Siamo arrivati alla linea effettiva di 1/2 yard in un paio di mesi, e poi di nuovo.
È accaduto qualcosa.
Abbiamo reimpostato e ampliato.
Non mancava l'interesse per il funzionamento della tecnologia e del business…
ma i fattori che hai menzionato, in particolare una recessione dei trasporti che ha contribuito a bruciare e indebolire i nostri pretendenti, hanno avuto un ruolo…
alcune altre cose che spero di poter condividere per aiutare gli altri nel futuro." Lewis ha aggiunto: “Nikesh, grazie per aver dedicato del tempo a condividere un punto di vista su qualcosa su cui molte persone hanno investito molto tempo ed energie.
In futuro ho intenzione di condividere più insegnamenti…
Non mi sto isolando, ho solo lavorato a testa bassa per offrire un'opportunità vNext a un gruppo di dipendenti di Convoy e alla tecnologia/sistema." In una videochiamata con i dipendenti la scorsa settimana, il presidente di Convoy Mark Okerstrom ha affermato che la società sta ancora “esplorando opzioni strategiche” con potenziali acquirenti.
The Information ha riferito che Convoy ha avuto accordi con i giganti dell'autotrasporto CH Robinson e JB Hunt falliti negli ultimi mesi.
Lewis ha pubblicato altri due commenti in un thread pubblicato dalla consulente di strategia e supply chain Brittain Ladd sulla chiusura dell'azienda.
“Se molte delle aziende che abbiamo incontrato potessero condividere, penso che le persone rimarrebbero sorprese nel modo in cui vedono il valore dell’opportunità”, ha scritto Lewis.
"Ma, dato il risultato finale e le ipotesi di lunga data che le persone hanno sostenuto, dovrò davvero pensare a come trasmetterlo in un modo che sia credibile." Ha usato un tono simile rispondendo a un commento separato sul post di Ladd: “Sto pensando di scrivere cosa ha funzionato e cosa non ha funzionato.
Aiuterà altri imprenditori, operatori del settore e investitori.
Ma una sfida che dovrò affrontare se condividerò gli insegnamenti di Convoy è che con questo risultato c’è un divario di credibilità.
Quando accade qualcosa del genere, il livello di intuizione, apprendimento e introspezione delle persone direttamente coinvolte è molto alto, ma qualsiasi pubblico presumerebbe che le persone coinvolte stiano distorcendo la storia per "compensare la cattiva narrativa" ecc., Quindi è più difficile da capire.
prendere per oro colato…
questo è doppiamente vero se la storia reale non è in linea con alcuni presupposti ampiamente diffusi, ecc.
Quindi, devo pensarci :)” Fondata nel 2015 da due ex amazzonici, Lewis e Grant Goodale, Convoy ha cresciuto circa 1 miliardo di dollari da una lista di investitori che includeva Bill Gates, Jeff Bezos, Marc Benioff, l'ex senatore americano Bill Bradley e persino Bono e The Edge della fama degli U2.
L'aumento di 260 milioni di dollari della società lo scorso anno includeva 100 milioni di dollari da parte dell'investitore in debito di rischio Hercules Capital.
All'epoca Convoy si assicurò anche un'ulteriore linea di credito di 150 milioni di dollari da JP Morgan.
The Information ha riferito che Convoy non restituirà denaro agli investitori azionari e che Hercules Capital sta cercando di svendere le attività di Convoy.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d