I dispositivi Android venduti in Europa chiederanno all'utente quale browser e provider di ricerca desiderano utilizzare

Se non lo sapevi già, l'Europa è molto più seria riguardo alla privacy rispetto agli Stati Uniti. Questo è il motivo per cui grandi aziende come Google sono state perseguitate dalla Commissione europea da molto tempo ormai. Google e la CE hanno una decennale storia di discussioni su come Google e Android dovrebbero gestire la strategia competitiva aperta. Nel luglio del 2018, Google è stata multata per $ 5 miliardi per violazioni antitrust. Dall'ottobre dello scorso anno, Google addebita agli OEM l'inclusione delle app di Google nel sistema, a causa delle normative CE sulle violazioni delle norme antitrust. Ora, l'Europa sta andando per le applicazioni predefinite nel sistema operativo Android. Secondo il post sul blog di Kent Walker, SVP di Global Affairs presso Google, la società ora permetterà agli utenti di modificare il motore di ricerca e il browser Web predefiniti durante la configurazione dello smartphone. La preoccupazione della Commissione europea è stata che l'applicazione di ricerca Google e il browser Chrome hanno eliminato la possibilità di avere una sana concorrenza nell'ecosistema Android. Come sai, entrambe queste app sono già integrate nel sistema e una percentuale molto ridotta di utenti impiega il tempo a scaricare le alternative e a modificare le app predefinite. È una pessima pratica se chiedi alla CE. Il post sul blog menziona anche la precedente conformità dei regolamenti della Commissione europea. Ad esempio, Google ha cambiato molte cose sulla piattaforma di Google Shopping e ha recentemente ridisegnato il formato. A partire dal 2018, dopo la multa di $ 5 miliardi, hanno iniziato a certificare i dispositivi per Google Play, Google Chrome e Ricerca Google. Kent Walker afferma che i mercati sani e fiorenti sono nell'interesse di tutti. Tieni presente che il nuovo regolamento si applicherà solo agli utenti Android europei. Fonte: Google I dispositivi post Android venduti in Europa chiederanno all'utente quali browser e provider di ricerca che desiderano utilizzare sono apparsi per primi su sviluppatori xda.

Commenti

commenti