Tech

Domande e risposte: James Miles vuole rilanciare l'economia creativa di Seattle e nel suo piano la tecnologia si mescola con l'arte

Nella lunga lista di idee e obiettivi del “Piano di attivazione del centro città” del sindaco di Seattle Bruce Harrell, la scena artistica e culturale della città è destinata a svolgere un ruolo importante nel rendere il centro della città un luogo dove le persone vogliono trascorrere del tempo.
James Miles ha intenzione di aiutarlo.
Miles è il nuovo manager dell'economia creativa per l'Ufficio per lo sviluppo economico di Seattle.
L’economia creativa presenta posti di lavoro in numerosi settori, dal cinema alla televisione, al teatro e alla musica, alle arti digitali e alla tecnologia.
In un rapporto del 2019, l’ultimo anno disponibile, l’OED ha affermato che l’economia creativa di Seattle impiega quasi 70.000 lavoratori creativi e contribuisce per il 18% al prodotto regionale lordo di Seattle.
I lavoratori del settore tecnologico costituiscono una grossa fetta di questi creativi, con OED che elenca gli editori di software come i migliori guadagni del settore creativo a partire dal 2017.
Artista e professore di lunga data a New York City, Miles ora insegna corsi di gestione artistica come assistente professore all'Università di Seattle .
In precedenza è stato direttore esecutivo di Arts Corp e MENTOR Washington, e più recentemente è stato direttore esecutivo di Third Stone, che ha contribuito a riportare in vita l'amato festival artistico e musicale Bumbershoot.
GeekWire ha incontrato Miles per discutere dell'economia creativa di Seattle, di come arte e tecnologia possono coesistere e quali sono i suoi obiettivi iniziali nel suo nuovo ruolo.
Le nostre domande e risposte sono state modificate per brevità e chiarezza.
È un ruolo che stavi cercando o è venuto a cercarti? "La risposta a quella domanda è si.
Era un ruolo che stavo cercando ed era anche lui che cercava me.
Penso che, in base alle mie esperienze sia come artista che come persona che lavora con artisti e li supporta, sia su consigli che su commissioni, fosse direttamente allineato a tutto ciò che volevo fare nella mia carriera.
Qual è la tua impressione generale della vitalità economica della scena artistica e culturale di Seattle rispetto a dove sei stato e cosa hai visto? “È difficile paragonare l'economia creativa di Seattle a quella di New York, per essere sinceri.
Tuttavia, il potenziale qui è enorme grazie alla quantità di creativi che lavorano insieme.
E penso che questo sia ciò che mi attira davvero.
Solo la vivacità mi cattura, anche il potenziale è entusiasmante.
Se i creativi possono lavorare insieme, soprattutto in settori e discipline interdisciplinari, ci sono molte opportunità di esplorazione.
Sto pensando al Downtown Activation Plan e a come convincere le persone a riaccendere una città.
È attraverso le arti.
Quando si tratta dell'economia creativa di Seattle, l'Ufficio per lo sviluppo economico include lavoratori tecnologici in quel mix: sviluppatori di software, designer, ecc.
Fornisce una spinta creativa che altre città non ottengono considerando che Seattle è un hub tecnologico? “È un hub tecnologico e sono entusiasta di abbracciarlo.
Una volta che abbracciamo la nostra tecnologia, la nostra abilità artistica e la nostra creatività, allora vedremo non solo le comunità riunirsi, ma vedremo dove si sovrappongono.
Una persona che realizza videogiochi dice: "Ho un'idea".
Voglio raccontare questa storia.
Posso parlare solo digitalmente, perché è il mondo che conosco.
Racconterò la mia storia attraverso i videogiochi in uno e zero.' Il cugino di quella persona può raccontare una storia attraverso un'opera teatrale, la musica o una poesia.
Penso che spesso ci distraiamo dicendo: "Oh, sei un artista, quindi sei creativo, e non sei un artista, quindi non sei creativo", quando in realtà, se puoi muoverti puoi ballare, se puoi parlare, puoi cantare.
Siamo tutti creativi.
Tendiamo semplicemente a reprimerlo perché la società ce lo dice, e non credo che ne abbiamo bisogno.
Penso che dovremmo lasciare che la creatività fiorisca dentro tutti noi”.
Trovi che la conversazione – tecnologia = arte – sia difficile da sostenere perché la comunità artistica tradizionale ha una percezione negativa di ciò che la tecnologia ha fatto all’accessibilità economica e così via a Seattle? "SÌ.
È una conversazione difficile, ma penso che valga la pena affrontarla.
Ed è una conversazione che, quando l'ho avuta in passato, mi hanno detto: "OK, se ci connettiamo al tessuto culturale della regione, c'è un posto in cui tutti noi possiamo intrecciarci".
Ci vuole solo un po' di pensiero fuori dagli schemi.
Ho lavorato come artista nel settore sanitario, ho lavorato come artista in studi legali.
Questi non sono tipicamente settori creativi, ma stanno tutti imparando cose diverse che influiscono sulla loro capacità di realizzare il lavoro.
C’è una varietà di cose in cui la creatività può inserirsi, ed è questo che mi entusiasma.
Quali sono i tuoi obiettivi a partire da questo ruolo? “Uno è supportare le persone che intraprendono una carriera [creativa].
Quando mi sono trasferito qui, molte persone che erano artisti hanno detto: "OK, penso di aver trovato il mio tempo come artista, mi trasferirò a New York o a Los Angeles".
C'è una città creativa qui, resta qui.' Quindi questo è vedere Seattle come una comunità creativa vitale in cui non solo puoi vivere ma prosperare.
“E poi le opportunità.
Quando sono andato su Amazon, non una sola persona di Amazon era di Seattle, eppure c'erano tutti questi creativi – designer audio, grafici, designer di videogiochi, creativi digitali – e ho pensato: "Fantastico, tutti questi pazzi concerti creativi qui".
.
Mettiamo in questi lavori alcuni giovani e alcune persone che si sono sentite come emarginate.
“E, cosa più importante, parlo con le persone della comunità per vedere di cosa hanno bisogno.
Voglio solo assicurarmi che il nostro ufficio stia effettivamente ascoltando la città di Seattle, i suoi residenti, le persone che lavorano qui, vivono qui, la amano qui.
Per quanto riguarda la rivitalizzazione del centro, hai grandi idee a riguardo, legate all'arte e alla cultura, a cui ti piace pensare? “Penso che prima dobbiamo iniziare e far parlare la gente.
Parlare con me, parlarci, e poi potremo iniziare a sognare.
Penso che ci sia la tendenza a muoversi velocemente.
C'è un detto dell'Africa occidentale: "Se vuoi andare veloce, vai da solo".
Se vuoi andare lontano, andiamo insieme." Preferisco andare lontano con le persone.
Quindi non dirò ancora nulla su cosa faremo in centro, ma dirò che lo faremo insieme.
E andremo molto lontano”.
È una sfida che esce dal COVID.
“Le persone devono semplicemente uscire allo scoperto.
Hanno bisogno di un motivo per uscire allo scoperto.
E dobbiamo parlare con loro e scoprire qual è questo motivo.
E ci siamo.
Allora hai la creatività.
È letteralmente pensare fuori dagli schemi.
In che modo Bumbershoot illustra il tuo approccio? C'è qualcosa che hai imparato che ti ha fatto dire: "Continuiamo a fare di più"? “La cosa più importante che ho imparato da Bumbershoot è che le persone vogliono che ciò accada.
Volevano essere lì.
Non avremmo fatto nulla di successo se non fossimo stati nella community ogni singolo giorno a parlare alle persone di ciò che vogliono, coinvolgendole del tipo: "Ehi, Bumbershoot sarà fantastico quest'anno".
Sarà diverso.
Sarà la rivitalizzazione del festival artistico e musicale di Seattle.
Vuoi farne parte.
Sarà una cosa da non perdere.' E la gente si è presentata.
Abbiamo avuto circa tre volte il numero di persone arrivate nel 2019.
Le persone volevano essere presenti e volevano essere nella comunità”.
Ci sono aree in questo momento in cui pensi che Seattle eccelle nell’economia creativa e aree che potrebbero aver bisogno di una spinta? “Sì, penso che ci siano sacche di eccellenza nell'economia creativa ovunque.
Che si tratti di musica, teatro, danza, poesia, scrittura, intelligenza artificiale, design, penso che si tratti più di una comunità creativa.
E penso che questo sia ciò che l'economia creativa può contribuire a costruire.
Può aiutare a connettere queste persone in modo che possano vedere che possiamo lavorare insieme e avere una città economica creativa, invece di una bolla economica creativa.
Penso che Seattle sia piena di molti creativi, dal lato no-profit a quello for-profit." Quali sono le tue opinioni sull'intelligenza artificiale e come potresti utilizzarla, come potresti insegnare ad artisti e creativi a non averne paura? “Penso che sia sicuramente uno strumento.
Se le persone capissero come usarlo, potremmo usarlo a beneficio di tutti noi.
Un ottimo esempio è uno sceneggiatore che ha una grande idea per un film e ha bisogno di qualcuno che lo aiuti a metterla insieme.
Negli anni passati avresti dovuto assumere qualcuno per lo storyboard di quel film.
È stata una cosa costosa.
Presentare quell'idea [all'intelligenza artificiale] e dire: "Puoi creare uno storyboard di questa idea in modo che io possa presentarla a un direttore della fotografia o a un produttore e realizzare questo film?" – che offre a una persona l'opportunità di aprire le porte ed entrare in quella forza lavoro e diventare un regista.
Penso semplicemente che sia un ottimo strumento.
Il martello e il chiodo non prenderanno il sopravvento sulla tua vita, renderanno solo le cose un po' più facili.
È così che vedo l’intelligenza artificiale”.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d