Tech

Costruire una startup nell'era dell'intelligenza artificiale: John Stanton su mercati dei capitali, regolamentazione e consolidamento

Si parla molto di una flessione dei finanziamenti in capitale di rischio in questi giorni, ma John Stanton respinge questo termine, almeno per la sua esperienza.
Trilogy Equity Partners, di cui ricopre il ruolo di amministratore delegato, ha continuato a investire a un ritmo costante di circa un'operazione azionaria al trimestre durante tutte le turbolenze degli ultimi anni.
"C'è un flusso e riflusso nella disponibilità di buone idee, nella disponibilità di capitale e nella disponibilità di talento", ha detto Stanton mercoledì a Seattle.
“E in questo momento penso che ci sia una buona opportunità per investire in nuove attività”.
L’intelligenza artificiale sta creando alcune di queste opportunità.
Tuttavia, le startup di intelligenza artificiale dipendono fortemente anche dalle principali società tecnologiche responsabili dello sviluppo di grandi modelli linguistici, in un contesto normativo che, secondo Stanton, riduce le loro possibilità di una grande uscita rendendo difficile per le principali società tecnologiche effettuare acquisizioni.
"Penso che sarà molto difficile per loro nel campo dell'intelligenza artificiale acquisirne altre", ha detto Stanton di aziende tecnologiche come Microsoft e Google, citando la posizione aggressiva assunta dalle autorità di regolamentazione statunitensi.
Membro del board di Microsoft, Stanton ha toccato con mano questa sfida, in un altro settore, nella recente acquisizione di Activision-Blizzard da parte dell'azienda di Redmond.
Stanton è molto nelle notizie in questi giorni come presidente e socio amministratore dei Seattle Mariners, ma molto prima di rispondere a domande sulla squadra della Major League Baseball della città, ha lasciato il segno come leader aziendale, investitore, pioniere dell'industria wireless e fondatore partner di Trilogy, la società di venture capital con sede a Bellevue, nello stato di Washington.
Ha parlato principalmente della sua esperienza in queste aree nella conversazione con Leslie Feinzaig, fondatrice e socio accomandatario di Graham & Walker, un fondo di venture capital in fase iniziale che investe in aziende tecnologiche fondate da donne, durante l'evento di mercoledì 1 novembre al Pioneer Laboratori quadrati di Seattle.
Faceva parte della serie di eventi "Rock On The Road" organizzati dal Rock Center for Entrepreneurship della Harvard Business School.
Sia Feinzaig (MBA, 2007) che Stanton (MBA, 1979) sono ex studenti della Harvard Business School.
Laurie Bishop, direttrice associata dei programmi per ex studenti del Rock Center, era a Seattle per condurre l'evento e tra il pubblico c'erano dozzine di ex studenti della HBS, tra cui molti leader ben noti nella comunità tecnologica di Seattle.
Continua a leggere per i punti chiave.
Alcuni talenti imprenditoriali si stanno spostando dalle grandi tecnologie alle startup.
“Ci sono un certo numero di imprenditori che vediamo, che vogliamo sostenere, che stanno esaminando [il loro lavoro presso] grandi aziende di software.
… Sono stati licenziati, o vedono una riduzione nella crescita, forse il loro capitale non sarà così prezioso come pensavano una volta”, ha detto Stanton.
Gli scarsi capitali a Seattle rappresentano un'opportunità per gli investitori della regione.
"Non c'è sicuramente carenza di grandi persone e idee", ha detto Feinzaig.
Ma i fondatori delle startup di Seattle si lamentano continuamente del fatto che non ci sono abbastanza capitali in città e devono continuare ad andare fuori dalla regione per ottenere finanziamenti.
Feinzaig ha chiesto: come possiamo capitalizzare meglio gli imprenditori della nostra città? "Penso che sia un'opportunità per i fondi che hanno sede qui", ha detto Stanton.
“Ci piace pensare di vedere la maggior parte degli imprenditori, ad un certo punto nel tempo.
Ne vediamo diverse centinaia all’anno e abbiamo l’opportunità di scegliere”.
Ha aggiunto: “Chiaramente c’è ancora un afflusso di capitali dalla California.
La banda di Sand Hill Road continuerà a investire qui.
Ma dal mio punto di vista è una buona cosa.
Ciò rappresenta una scarsità di opportunità, dal punto di vista di un fornitore di capitale.
Ciò potrebbe darci qualche opportunità migliore in termini di rendimenti e di tipo di accordi che possiamo concludere”.
"Preferirei essere qui piuttosto che nella Bay Area, dove ci sono più capitali che buone idee", ha detto.
Come si confronta l’intelligenza artificiale con le innovazioni tecnologiche del passato, come la rivoluzione wireless: “Le opportunità sono sostanziali”, ha affermato Stanton.
“Ma [le startup] devono cavalcare i grandi modelli linguistici in questa fase, principalmente Google e Microsoft attraverso la sua partnership con OpenAI.
“E questo è un tipo di modello diverso rispetto al modello wireless o cloud, in cui devi investire il capitale; o il modello software, dove puoi stare in garage, perché devi avere una relazione o la capacità di collaborare con le aziende che possiedono quei modelli se vuoi davvero costruire il business attorno all'intelligenza artificiale.
“Gli imprenditori devono creare qualcosa che sia unico, qualcosa che sia dirompente, ma devono anche avere un rapporto che permetta loro di operare su questi enormi modelli su enormi piattaforme”.
Consigli per creare startup nell'era dell'intelligenza artificiale: "Per alcuni aspetti, non è diverso da qualsiasi altro modello di software", ha affermato Stanton.
“Devi avere un’idea dirompente, un’opportunità di mercato sostanziale.
Devi avere un team diversificato di persone che abbiano la capacità di guardare le cose da diverse prospettive, e devi avere capitale”.
Uscite incerte: dal punto di vista della comunità imprenditoriale, ha affermato Stanton, è anche importante capire chi potrebbero essere gli acquirenti.
Date le sfide normative, ha aggiunto, la risposta non è chiara in questo momento.
Feinzaig ha proseguito su questo punto: "Non pensi che gli acquirenti siano Google, Microsoft, Amazon?" Stanton ha affermato che l’attuale FTC è “molto aggressiva in termini di limitazione del ruolo che le grandi aziende possono svolgere”, aggiungendo che “sarà molto difficile per loro nel campo dell’intelligenza artificiale acquisirne altre”.
Allo stesso tempo, ha affermato che Google e Microsoft possono sfruttare le proprie risorse per sviluppare internamente molte di queste tecnologie, il che dà loro meno incentivi all’acquisizione.
Tutti questi fattori insieme, ha affermato, rendono difficile immaginare che le grandi aziende tecnologiche diventino i principali acquirenti di startup AI nei prossimi cinque anni.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d