Android Q Beta: le novità per gli smartphone Google Pixel

Un altro anno, un'altra nuova versione di Android. L'industria degli smartphone è in continua evoluzione e quest'anno, in particolare, si sta preparando ad essere uno dei più entusiasmanti per gli appassionati. Android, essendo un elemento centrale di questo settore in continua evoluzione, deve anche adattarsi alle nuove tendenze. Questo non potrebbe essere più vero per Android Q, la versione più recente della piattaforma Android. Google ha finalmente attivato il trigger e rilasciato la prima versione beta di Android Q per l'intera famiglia di smartphone Pixel: Pixel 3, Pixel 3 XL, Pixel 2, Pixel 2 XL, Pixel e Pixel XL. A prima vista, Android Q potrebbe sembrare più o meno lo stesso. Dopo tutto, è quasi identico, per quanto riguarda l'interfaccia utente, ad Android Pie. Ma sta anche portando tanti cambiamenti sotto il cofano che non possiamo fare a meno di essere entusiasti al riguardo. Si potrebbe dire che Android Q è Android Pie come Android Marshmallow era Android Lollipop. Un aggiornamento incentrato sul perfezionamento che, invece di apportare modifiche UI e UX non necessarie, offre nuove funzionalità, miglioramenti e modifiche in base al feedback degli utenti. Credetemi: ci sono un sacco di cose da entusiasmare su Android Q. Oggi stiamo facendo un tuffo nella prima beta pubblicamente disponibile di Android Q per scoprire tutte le piccole cose e caratteristiche che l'ultimo sistema operativo di Google includerà. Questo elenco non include le funzionalità che Google ha ufficialmente condiviso nel proprio post sul blog, né parliamo di nessuna delle nuove API e delle modifiche alla piattaforma che interessano gli sviluppatori. Questo post tratta tutto ciò che Google non ha parlato di questo; le modifiche devi lampeggiare la build beta per vedere di persona. Abbiamo anche una panoramica video di 17 minuti che copre la maggior parte, ma non tutte, delle modifiche che abbiamo scritto di seguito. Modalità Dark a livello di sistema Probabilmente la caratteristica più grande e più attesa di Android Q è una modalità dark a livello di sistema. Ci aspettavamo che questa funzionalità venisse su Android da quando Android Lollipop ha introdotto Material Design e i suoi elementi UI accecantemente bianchi nel 2014. Ne abbiamo avuto un'anteprima durante le prime beta di Android M nel 2015 prima che fosse rimosso senza spiegazione. Poi è tornato l'anno successivo con le beta di Android N, ma ancora una volta non è arrivato alla versione di Android Nougat. Avanziamo velocemente per un altro anno più tardi e (lo abbiamo) ottenuto con Android 8.1 Oreo: se si imposta uno sfondo scuro, anche l'ombreggiatura delle notifiche, il launcher e altri elementi dell'interfaccia utente si oscurano. Con Android Pie, questa opzione è diventata selezionabile dall'utente e gli utenti sarebbero stati in grado di attivare e disattivare questa modalità scura parziale su richiesta indipendentemente dal colore dello sfondo. Certo, era molto diverso da una modalità oscura reale come il 99% degli elementi dell'interfaccia utente all'esterno del launcher e l'ombra della notifica rimaneva bianca, ma, ehi, era meglio di niente. Con Android Q, sembra che una vera modalità oscura stia accadendo finalmente. La versione beta di Android Q include una modalità scura a livello di sistema che teme l'ombra della notifica, le notifiche effettive, l'app Impostazioni e l'intero SystemUI e trasforma la maggior parte degli elementi dell'interfaccia utente dal bianco al grigio scuro e al nero AMOLED. Non solo, ma può anche forzare questa modalità scura su tutto il sistema operativo, incluse le app scaricate dall'utente indipendentemente dal fatto che abbiano o meno una modalità scura. Alcune app saranno fantastiche e alcune sembreranno terribili: il tuo chilometraggio potrebbe variare. Mentre un'impostazione per abilitare questo tema oscuro era presente nella generazione di alfa di Android Q trapelata che abbiamo scoperto un paio di mesi fa, da allora è stata rimossa. Il motivo è sconosciuto, ma supponiamo che sia ancora in fase di sviluppo e lo stanno nascondendo fino a renderlo più lucido. Tuttavia, questa modalità oscura è sicuramente ancora lì. Può essere abilitato attivando la modalità Risparmio batteria, ma se non hai voglia di avere Risparmio batteria sempre acceso e di avere accesso a un computer (e le abilità ADB minime mentre ti trovi anche in quel caso), puoi attivarlo on e off seguendo questo tutorial. I temi dei motori Android e tematici hanno una storia divertente. In precedenza, il concetto di temi di sistema era riservato a skin OEM come EMUI e TouchWiz e ROM personalizzate come CyanogenMod. Rimaneva estraneo per gli utenti Android. Quindi, con l'avvento di Layers e del suo successore, Substratum, il tema delle azioni Android divenne una possibilità concreta: sfruttando piattaforme di tematizzazione incorporate come OMS e RRO, gli utenti root erano in grado di trattare molti aspetti della loro UI / UX come volevano a. Ciò è diventato più accessibile quando Android Oreo ha immesso l'OMS in AOSP e gli sviluppatori di Substratum hanno rilasciato Andromeda, un componente aggiuntivo che consente agli utenti non root di applicare il tema ai loro sistemi azionari. Lo slancio di Andromeda è stato presto interrotto con il rilascio della patch di sicurezza del marzo 2018, limitando l'installazione di sovrapposizioni alle app di sistema e ponendo così fine al tema senza radici. È stata quindi trovata una soluzione alternativa e il tema di Substratum è attualmente possibile, ma sicuramente non è pratico per tutti. Ad oggi, Android AOSP non ha una soluzione di theming a tutti gli effetti incorporata di alcun tipo. Questo non sta cambiando con Android Q, ma almeno stanno aprendo le porte a ulteriori personalizzazioni. In modo simile a OxygenOS, Android Q ora consente agli utenti di personalizzare il loro colore e il loro carattere di accento. Certo, non offre la stessa scelta di OxygenOS. Mentre la skin di personalizzazione di OnePlus presenta l'intera gamma di colori, su Android Q abbiamo solo i colori nero, verde e viola. È comunque un grande passo nella giusta direzione, e c'è una possibilità molto reale di arrivare a vedere altri colori presto. Inoltre, le funzionalità di Adaptive Icons sono state estese ad altri elementi dell'interfaccia utente: una volta esclusivo per le icone di avvio, ora cambierà anche la forma di elementi come le icone Impostazioni rapide e la barra di ricerca di Google. Infine, hanno incluso una singola scelta di font per Noto Serif / Source Sans Pro. Puoi vedere di più su questo qui. Le flag di funzionalità del sistema Android Pie hanno aggiunto una nuova pagina "Feature Flags" in Opzioni sviluppatore. Android Q conserva quella pagina, ma la espande con più flag. Ecco un riepilogo di ciò che alcuni dei flag disabilitati fanno quando abilitato (o almeno, cosa pensiamo che facciano): settings_aod_imagewallpaper_enabled: consente di visualizzare brevemente lo sfondo sul display sempre attivo. Google Pixel 3 ha questo su Android Pie, ma Pixel 2 no. settings_audio_switcher: aggiunge una nuova icona alle notifiche di riproduzione multimediale che ti consentono di cambiare rapidamente l'uscita audio. Maggiori informazioni qui sotto. settings_bluetooth_hearing_aid: consente di accoppiare un apparecchio acustico Bluetooth. settings_global_actions_grid_enabled: modifica il layout del menu di alimentazione. settings_mobile_network_v2: abilitato in modo riferito Dual SIM, Dual Standby sul Pixel 3. settings_screenrecord_long_press: abilita lo screen recorder integrato in SystemUI, a cui si accede premendo a lungo l'opzione screenshot nel menu power. Maggiori informazioni qui sotto. Riproduzione multimediale Il flag di funzionalità più interessante di prima, commutatore audio, aggiunge un pulsante alle notifiche di riproduzione multimediale (a sinistra) che, se premuto, visualizza una sezione impostazioni che consente di cambiare l'uscita audio (a destra). Modalità Desktop Android su desktop è un concetto che esiste da anni. Con progetti come Android-x86 e Remix OS, sei stato in grado di utilizzare Android su un ambiente desktop per un po 'di tempo. Recentemente, tuttavia, sta prendendo piede. Qualche tempo fa, Chrome OS ha aggiunto il supporto per le app Android, offrendo ai Chromebook la possibilità di accedere a Google Play Store e sfruttare l'ecosistema delle app Android. Inoltre, smartphone e tablet di punta di Samsung sono dotati della funzionalità Samsung DeX: gli utenti possono collegare i loro telefoni a un display e svelare un ambiente desktop basato su Android. Con Android Q, sembra che una modalità desktop simile a DeX potrebbe arrivare anche ad Android AOSP. In questo momento, non è davvero in uno stato comodamente utilizzabile, ma sicuramente sta arrivando. C'è un'interfaccia desktop con un cassetto app e puoi trascinare le scorciatoie sul desktop. Le app vengono lanciate in finestre freeform, una funzionalità introdotta per la prima volta con Android Nougat. Modalità desktop nativa di Android Q. Prevediamo di vedere questa modalità desktop ricevere ulteriori miglioramenti nelle prossime beta. Abbiamo coperto questa modalità desktop in ulteriori dettagli qui. Accessibilità Sono state aggiunte nuove opzioni di accessibilità per estendere il tempo in cui è possibile leggere i messaggi di brindisi e per quanto tempo è necessario intervenire su di essi. Se si abilita il flag di funzionalità dell'apparecchio acustico, è disponibile una nuova opzione Apparecchi acustici in Impostazioni di accessibilità. Battery Battery Saver in base alle abitudini di utilizzo Battery Saver è estremamente utile. Attivandolo, i processi in background sono limitati, così come l'utilizzo della CPU, nel tentativo di risparmiare più batteria possibile. Questa funzione esiste per diverse versioni di Android, ma con Android Q sta diventando sempre più utile. Poiché i toni neri e più scuri sono noti per sorseggiare meno batteria rispetto ai temi bianchi, la modalità scura di cui sopra ora è abilitata con Battery Saver per risparmiare ancora più batteria. Non solo, ma anche la funzionalità diventa più intelligente. In precedenza, su Android Pie, è possibile abilitare automaticamente Risparmio batteria in base alla percentuale di batteria residua: se si colpisce il 20% o il 15%, la funzionalità si accenderà immediatamente. Ora, grazie a Shenanigans AI, Android Q sarà in grado di analizzare le tue abitudini di ricarica / utilizzo al fine di determinare il momento migliore per attivare Battery Saver: se è probabile che si esaurisca prima del tuo prossimo ciclo di ricarica tipico, allora sarà abilitato. Sembra in teoria abbastanza pulito, ma dobbiamo ancora vedere come funzionerà durante l'effettivo utilizzo del mondo reale. Battery Estimate appare in Impostazioni rapide Se il tuo dispositivo è scollegato, vedrai il tempo stimato fino a quando il tuo dispositivo si esaurirà (a sinistra) se tiri giù la barra di stato. Se il tuo dispositivo è collegato, vedrai il livello corrente della batteria (a destra). Cambiamenti di design Tacca e angoli arrotondati mostrati negli screenshot Negli ultimi anni non è un segreto per nessuno che gli smartphone siano cambiati radicalmente, e quando le cornici si riducono, oggetti come tacche, ritagli e angoli arrotondati vengono portati sul tavolo. Al giorno d'oggi, il 90% degli attuali smartphone ha qualche forma di tacca dello schermo o angoli dello schermo arrotondati, persino dispositivi di budget. Questi ritagli e gli angoli arrotondati sono supportati dal sistema come sovrapposizioni, consentendo alle app di scalare correttamente e funzionano in modo ottimale anche con questi ritagli, ma questi non vengono visualizzati negli screenshot perché, beh, sembrerebbero strani. Fino ad ora, immagino. La tacca del dispositivo e gli angoli arrotondati verranno visualizzati quando si fa uno screenshot in Android Q come spazio nero. Non siamo sicuri se questo sia un comportamento intenzionale o meno, e personalmente non sono sicuro di cosa ne pensi. Le tacche massicce come quelle della Pixel 3 XL sono disturbi visivi che probabilmente non vuoi vedere quando ricevi uno screenshot da qualcuno. Ma loro saranno comunque lì. In questa versione beta, almeno. Alla ricerca di esempi? Basta scorrere verso l'alto. Riprogettazione della pagina Info app La pagina Info app è stata riorganizzata e ridisegnata. C'è un nuovo pulsante per aprire direttamente l'app. Le notifiche mostrano una stima del numero di notifiche che l'app invia. Le impostazioni aumentano l'influenza del tema materiale L'app Impostazioni ha una maggiore influenza nella progettazione del tema Materiale in Android Q. Le finestre delle applicazioni recenti hanno angoli arrotondati A proposito di angoli arrotondati, le finestre delle applicazioni recenti ora hanno gli angoli arrotondati per adattarsi agli angoli del display rotondo di Pixel 3. Questa potrebbe essere una funzione esclusiva per i dispositivi Pixel. Small UX Tweaks Condivisione della rete Wi-Fi tramite codici QR Le reti Wi-Fi sono qualcosa che diamo per scontato oggigiorno, ma se non si ha alcun riguardo alla propria privacy, probabilmente si dispone di una rete domestica sicura con una password decentemente sicura. Il fatto è che può diventare piuttosto fastidioso (e potenzialmente pericoloso) anche consegnare la tua password a tutti. Android Q introduce una soluzione pratica a questo: c'è ora un'opzione "Condividi" disponibile sulle reti Wi-Fi salvate, che visualizza un codice QR. Questo codice può essere facilmente scansionato da altri utenti Android Q, che saranno quindi immediatamente connessi a quella rete. L'unico svantaggio di questo è che al momento è una funzionalità esclusiva per Android Q e dipenderà dall'adozione del sistema operativo per avere successo. Tuttavia, è abbastanza pulito e utile per molti casi d'uso. Registrazione dello schermo integrata In precedenza, l'unico modo per registrare lo schermo del telefono era scaricare app di terze parti come AZ Screen Recorder, che sfrutta la funzione di screencasting di Android per registrare lo schermo. Sebbene queste app funzionino abbastanza bene per la maggior parte degli scopi, non è sicuramente qualcosa introdotta nel sistema e dà luogo a molte regressioni, come il fatto che non è possibile registrare audio interno con queste app. Nel frattempo, altri sistemi operativi mobili come iOS portano la funzionalità di registrazione dello schermo fuori dalla scatola. Con Android Q, la registrazione dello schermo a livello di sistema è finalmente disponibile su Android. Un flag di funzionalità (vedi sopra) deve essere abilitato prima di procedere fin d'ora, ma una volta che hai fatto quel passo, puoi accedervi premendo a lungo sul pulsante screenshot. Nel suo stato attuale, sembra abbastanza spoglio, con l'ulteriore ostacolo che è anche piuttosto buggato, al punto che potrebbe bloccarsi su un certo numero di dispositivi. Come ogni altra caratteristica di Android Q, probabilmente ci vorrà un po 'per raggiungere uno status stabile e utilizzabile (dopotutto, questa è la prima beta di cui stiamo parlando), ma probabilmente non ci vorrà molto. Purtroppo registra ancora l'audio utilizzando il microfono. Risposte automatiche e azioni delle app da notifiche Google ha iniziato a giocare con il concetto di risposte automatiche da quando Allo (RIP) è stato annunciato per la prima volta. Google analizza il contenuto del messaggio per generare risposte contestuali che possono essere rapidamente inviate toccandole. Questa funzione è stata introdotta in altre app come Messaggi e Gmail e, lo scorso anno, hanno persino lanciato un'app sperimentale che ha fornito risposte intelligenti alle tue notifiche. Questa funzionalità sarà integrata in Android Q: le notifiche dei messaggi ora mostreranno queste risposte intelligenti ogni volta che è possibile, senza bisogno di un'app di terze parti. Funzione di risposta automatica di Android Q. A seconda del contenuto del messaggio, potresti non ricevere solo risposte automatiche. In alcuni casi, questa funzione può richiamare gli URL per mostrare i pulsanti di azione delle app: Ron Amadeo di ArsTechnica ha mostrato un paio di esempi su Twitter in cui i pulsanti contestuali per l'apertura dei link su Google Chrome e Twitter si sono mostrati nella notifica. Qualcun altro su Q ha visto questo? Per un minuto gli URL venivano prelevati dai miei messaggi in arrivo e presentati come pulsanti di azione nel pannello delle notifiche. Hanno anche mostrato icone di app per cose come Twitter. E 'stato fantastico ma non sta succedendo più. pic.twitter.com/WNLRLg9Dv4 – Ron Amadeo (@RonAmadeo) 14 marzo 2019 Tieni presente che il tuo chilometraggio può variare con alcune app in quanto, dopo tutto, è ancora un software beta. Ma una volta pronto per la prima serata dovrebbe rivelarsi molto, molto utile. Revoca le autorizzazioni durante l'installazione di app precedenti In questo giorno ed età, la privacy online dovrebbe essere tra le nostre priorità principali, se non la nostra più grande priorità. E questo è il motivo per cui Android Q presenta anche una serie di funzionalità incentrate sulla privacy che ti consentono di proteggerti. Ad esempio, se un'app deve ancora implementare autorizzazioni granulari (puntando a un livello API precedente a Android Marshmallow) per qualche motivo, è possibile disattivare manualmente le autorizzazioni che non ti piacciono prima di installare l'app. Puoi anche limitare cose come la raccolta della posizione solo quando l'app è in esecuzione. In questo modo, puoi essere certo che un'app non farà cose sospette alle tue spalle. Inoltre, le app non saranno più in grado di avviare un'attività in modo casuale e passare in primo piano e Google imporrà anche limiti sulle app che recuperano informazioni riservate, come l'IMEI e i numeri seriali del telefono. Siamo abbastanza sicuri che più cose verranno alla fine in beta successive, ma al momento sembra chiaramente che Android Q si concentrerà molto sulla privacy. Riprogettazione dell'app file Probabilmente probabilmente utilizzerai il file manager preinstallato del tuo telefono o, se hai Android di serie, probabilmente utilizzerai un'alternativa di terze parti come Solid Explorer, MiXplorer o FX File Explorer. Il fatto è che Android ha in realtà un file manager tutto suo, ma non è stato promosso molto. Infatti, prima Android Oreo, era nascosto in Impostazioni. È anche un bel barebone, privo di molte funzionalità e un'interfaccia utente decente, e mentre ha ricevuto miglioramenti nel corso degli anni, questi sono stati in realtà piuttosto minimi. Con Android Q, questo file manager sembra avere un po 'd'amore. Ha ricevuto una revisione del tema materiale, in linea con il nuovo linguaggio di progettazione di Google. Tra queste modifiche al tema materiale, una barra di ricerca a tutti gli effetti sostituisce la barra delle azioni in alto. Inoltre, ha anche una funzione di filtro, che consente agli utenti di filtrare i loro file per immagini, video, file audio, e tu dai il nome. È ancora molto tempo prima che questo sia vicino ad altre alternative disponibili nel Play Store, ma sta diventando sempre più utile, e una riprogettazione dimostra l'impegno di Google a rendere questa prima o poi un'alternativa valida. Filtro di ricerca per app e notifiche Google ha aggiunto un pulsante di ricerca nei sottomenu App e Notifiche per consentirti di trovare un'app che stai cercando molto più rapidamente. Icona a forma di campana per nuove notifiche Di solito è possibile vedere quale notifica è appena arrivata osservando il timestamp, ma Android Q lo rende ancora più evidente con un'icona a forma di campanella. L'icona viene visualizzata per soli 30 secondi, ma aiuterà gli utenti a sapere quale notifica ha appena suonato in tasca. Nuovo comportamento e azione di notifica Questo è un cambiamento che può essere divisivo tra gli utenti. In Android Pie puoi posticipare qualsiasi notifica scorrendo lentamente verso sinistra o verso destra. Questo rivela l'icona snooze e una scorciatoia per le impostazioni di notifica. Puoi anche rimuovere la notifica scorrendo verso sinistra o verso destra, come abbiamo per anni. Android Q cambia tutto questo. Facendo scorrere verso sinistra verrà visualizzata l'icona snooze e l'opzione per bloccare le notifiche. Puoi rimuovere la notifica solo scorrendo verso destra. Android Q aggiunge anche nuove opzioni per le notifiche a lungo termine. In Android Pie mostra "Interrompi notifiche" e "Mantieni notifiche". Android Q mostra i pulsanti per "Blocca, Mostra silenziosamente" e "Mantieni avvisi". Il collegamento a Info app è ancora lì. Ordina le notifiche delle app per vedere quali sono stati bloccati Android Pie ha rimosso la possibilità di ordinare le notifiche delle app con "Disattivato". Questa funzionalità è tornata in Android Q. Azione "Annulla" per Pixel Launcher Se rimuovi per errore un'icona o un widget dell'app nella schermata iniziale di Pixel Launcher, c'è un nuovo prompt con un pulsante "Annulla". Non disturbare riorganizzato La pagina delle impostazioni Non disturbare è stata semplificata. C'erano tre sezioni principali, ma ora è organizzato in due soli. Le eccezioni a Non disturbare sono raggruppate sulla propria pagina. Gli orari possono ora ignorare le regole predefinite di Non disturbare se l'utente sceglie. Varie modifiche e correzioni di errori Android Q sta portando anche altre cose che, sebbene possano non essere degne di una sezione da sole, sono comunque molto importanti. Questi sono: C'è una nuova vibrazione sottile quando si seleziona il testo e si collega il telefono per la ricarica. Android Beam è sparito, come previsto. SystemUI Tuner ora ha una nuova opzione "Mostra icone di notifica a bassa priorità". Dialer Il menu di accensione ha ora un collegamento rapido al dialer di emergenza. Al termine di una telefonata, il tono di fine chiamata è ora molto più morbido. Una funzionalità che pensavamo sarebbe arrivata in Android P è ora disponibile in Android Q: più opzioni di blocco delle chiamate. Se assegni all'app Google Phone il ruolo Dialer, dovresti visualizzare nuove opzioni per bloccare le chiamate da numeri di telefono sconosciuti, privati e a pagamento. Opzioni sviluppatore Ora puoi passare da un driver di gioco a Impostazioni sviluppatore> Preferenze driver di gioco. È stato aggiunto il supporto per l'attivazione di ANGLE su base per-app. Leggi di più su ANGLE. Multi-windows di forma libera può essere abilitato in Opzioni sviluppatore senza utilizzare un comando ADB. L'opzione "Agenti fidati estende solo lo sblocco", che consente a qualsiasi opzione di sblocco intelligente che hai impostato di mantenere il tuo dispositivo accessibile più a lungo. Tuttavia, se il telefono è bloccato, l'opzione di sblocco intelligente non sbloccherà automaticamente il telefono. Opzione "Blocca schermo quando il trust è perso", che impedisce alle opzioni di sblocco intelligente revocate di sbloccare il dispositivo bloccando automaticamente lo schermo. Privacy Il nuovo sottomenu sulla privacy consente di accedere rapidamente alle impostazioni sulla privacy delle app e dei servizi di Google Play. Impostazioni come il servizio di compilazione automatica, la cronologia delle posizioni di Google, annunci, utilizzo e diagnostica sono disponibili qui. La regolazione del volume nelle Impostazioni non crea più alcun rumore. Navigazione Lo scorrimento verso destra per modificare le app ora funziona sull'intera barra di navigazione, non solo sulla home pill. Lock Screen Changes Always on Display mostra ora il brano che stai suonando. Sempre su Display si trova ora in Impostazioni> Display> Blocco schermo. La funzione "Now Playing" nella schermata di blocco è stata ridisegnata. Alcune azioni delle app possono ora essere visualizzate anche sulla schermata di blocco. Doppio tocco per scattare sblocca direttamente per bloccare lo schermo anziché per la visualizzazione ambientale. Da sinistra a destra: azioni di blocco schermo di Glance, "Now Playing" sulla schermata di blocco, riproduzione dei brani mostrata in AOD. Google ha anche corretto alcuni bug di Android Pie, tra cui: Su Android Pie, se si preme un tasto del volume e poi si preme immediatamente sulla tastiera del software, il controllo del volume riappare con ogni input. Maggiori informazioni qui. Le regole automatiche Non disturbare ora funzionano per i calendari personalizzati. Maggiori informazioni qui. Ci siamo persi qualcosa? Fateci sapere nei commenti. Pixel ForumsPixel XL Forum Pixel 2 ForumsPixel 2 XL Forum Pixel 3 ForumsPixel 3 XL Forum Bonus: Funzioni nascoste Infine, ecco alcune funzionalità nascoste in Android Q che richiedono di armeggiare con alcuni comandi ADB. Android Q: Come abbandonare il pulsante Indietro per controlli di navigazione completi e personalizzabili controlla Android Q beta ti consente di rimappare Active Edge su Google Pixel 2 e Pixel 3 su altre app di assistenza Google sta lavorando alla personalizzazione della schermata di blocco in Android Q

Commenti

commenti