Tech

Analisi: le grandi assunzioni di Microsoft prefigurano un nuovo passo coraggioso nell’intelligenza artificiale dei consumatori

Microsoft è una potenza nel settore aziendale e ha sempre riconosciuto che il mercato consumer è importante per la crescita dell'azienda, ma ha spesso faticato a conquistare il giusto livello di condivisione mentale da parte dei consumatori.
Con l'ultima scommessa dell'azienda sui talenti di livello mondiale di Inflection.ai, Microsoft punta a portare il suo successo con Copilots alle app native AI che domineranno nei prossimi anni.
In passato Microsoft ha perseguito l'innovazione e l'acquisizione come vie d'accesso al mercato consumer.
Diversi anni fa, abbiamo visto Microsoft flirtare brevemente con l’acquisizione di TikTok, la popolare app di social media che ha catturato l’attenzione di milioni di giovani utenti.
La recente acquisizione di Activision Blizzard da parte di Microsoft integra la già forte posizione dell'azienda nel settore dei giochi.
Sebbene per alcuni siano di nicchia, i giochi sono una componente incredibilmente preziosa e importante del mercato consumer.
Ma il pubblico dei consumatori giovani utilizza vari strumenti di social networking – Instagram, TikTok e altri – che in genere non hanno nulla a che fare con Microsoft.
Microsoft è meglio conosciuta come uno strumento per portare a termine i compiti scolastici! Per vincere, Microsoft vuole essere al centro dell’attenzione per la prossima generazione di consumatori.
Questi giovani consumatori cresceranno e diventeranno utenti aziendali, utenti che desiderano utilizzare cloud, intelligenza artificiale e strumenti di produttività.
È qui che entrano in gioco i fondatori di Inflection.ai, Mustafa Suleyman e Karén Simonyan e molti altri membri del team.
Hanno l'obiettivo chiaramente espresso di avere un impatto positivo su ogni consumatore con l'intelligenza artificiale.
Il prossimo cambio di piattaforma Facendo un passo indietro, siamo nel mezzo di uno dei più grandi cambiamenti di piattaforma della storia.
Gli ultimi due cambiamenti di piattaforma sono stati rispettivamente il cloud e il mobile.
Anche se un po’ in ritardo, Microsoft è diventata con successo un leader del cloud computing.
Tuttavia, hanno mancato l’ondata di piattaforme mobili, che hanno trasformato il modo in cui comunichiamo, lavoriamo, facciamo acquisti, viaggiamo e ci divertiamo.
È stata una perdita costosa, ma Microsoft ha imparato da quell'esperienza.
L’azienda è stata una delle prime a muoversi e probabilmente quella di maggior successo nel campo dell’intelligenza artificiale.
La partnership con OpenAI, la pletora di Copilot a partire da GitHub Copilot, Azure come piattaforma AI chiave e l'approccio di Microsoft al modello come servizio contribuiscono tutti alla leadership di pensiero che Microsoft ha chiaramente dimostrato.
Ora, giustamente, vuole basarsi su questo e scavalcare il resto del settore fornendo un agente AI personalizzato per ogni consumatore.
L’intelligenza artificiale ha il potere di essere un assistente personale, un allenatore, un compagno e ciò di cui tutti parlano adesso: un agente che agisce per nostro conto.
Nonostante tutta l’attenzione sull’intelligenza artificiale e l’esplosione di modelli e strumenti per ottimizzarli e implementarli, credo che siamo ancora agli inizi e non abbiamo visto applicazioni trasformative nell’era dell’intelligenza artificiale.
Un buon paragone qui è che quando è uscito l’iPhone, era un dispositivo e una piattaforma rivoluzionari, ma non era ovvio come avrebbe rivoluzionato le nostre vite.
I siti affermati lo hanno abbracciato rapidamente.
Facebook ha lanciato un'app mobile e i siti multimediali hanno lanciato app mobili per accedere ai propri contenuti.
Questi sono simili ai copiloti che lavorano insieme ai prodotti esistenti e stanno introducendo le persone a ciò che l’intelligenza artificiale può fare per loro.
Nell’era mobile, ci sono volute app come Uber e Airbnb, che hanno trasformato i settori dei trasporti e dell’edilizia abitativa, per mostrarci il vero potenziale della nuova piattaforma.
Allo stesso modo, non abbiamo ancora visto le killer app dell’intelligenza artificiale, quelle che ci faranno chiedere come abbiamo potuto vivere senza di loro.
Abbiamo visto scorci di intelligenza artificiale negli assistenti vocali, nei chatbot, nei copiloti e nei sistemi di raccomandazione, ma sono ancora limitati e frammentati.
C’è un’enorme opportunità davanti a noi.
Il team di Inflection.ai Allora perché Inflection? L'obiettivo di Mustafa Suleyman e Karén Simonyan è avere un impatto positivo su ogni consumatore con l'intelligenza artificiale.
Ma arrivarci è un compito enorme.
Realizzare questa visione come startup autonoma è incredibilmente difficile.
Non impossibile, ma incredibilmente difficile.
E nonostante abbiano raccolto più di 1,5 miliardi di dollari, la loro probabilità di successo era sconosciuta.
Sotto alcuni aspetti, Pi, il loro servizio rivolto al consumatore, non stava funzionando nella scala di cui avrebbero avuto bisogno per diventare una startup.
Ciò di cui avevano bisogno era un'azienda con accesso a grandi talenti nell'intelligenza artificiale, elaborazione, dati, clienti e tasche molto profonde allineate con quella visione.
Microsoft è un investitore in Inflection.
Sono sicuro che la società per azioni abbia visto come la visione dei fondatori fosse in linea con i suoi obiettivi.
Sembra una mossa brillante da parte di Microsoft quella di reclutare questi leader visionari, tecnici e di livello mondiale per dargli una probabilità significativamente più elevata di successo con i consumatori.
Una cosa interessante da vedere sia da parte di Microsoft che di altre grandi aziende tecnologiche è il modo in cui sono estremamente creativi per aumentare sostanzialmente il valore per i propri clienti.
In passato, queste aziende si chiedevano: costruiamo o compriamo? Ora si chiedono: costruiamo, compriamo o collaboriamo? Microsoft ha dimostrato di avere successo in tutti e tre.
La necessità è anche la madre di ogni invenzione.
I potenziali vincoli imposti dagli organismi di regolamentazione in merito a un'acquisizione probabilmente hanno avuto un ruolo nella partnership creativa di Microsoft.
La partnership di Microsoft con OpenAI (con i suoi alti e bassi) è stata un punto di svolta.
Le sue acquisizioni di LinkedIn e GitHub sono state un successo spettacolare.
La diversità delle partnership dell'azienda con diversi fornitori LLM (sia proprietari che open source) hanno dimostrato il loro desiderio di essere una piattaforma con la più ampia capacità di modello come servizio possibile in Azure.
C’è una domanda aperta sul perché le grandi aziende tecnologiche come Google e Apple, che hanno una maggiore condivisione mentale con i consumatori, non sono ancora in prima linea nel reimmaginare cosa potrebbero fare con l’intelligenza artificiale per i consumatori.
Sono fiducioso che queste aziende siano al lavoro.
Sfortunatamente, finora l'esecuzione di Google non è stata esemplare.
Spero che Apple ci stupirà tutti prima piuttosto che poi.
Nel frattempo c'è un vuoto e Microsoft sta facendo tutto il possibile per scavalcare la situazione.
Sono entusiasta di vedere alcune straordinarie innovazioni emergere da questo nuovo gruppo per offrire un valore più esponenziale e sbloccare esperienze rivoluzionarie per te, per me e per gli oltre otto miliardi di consumatori in tutto il mondo.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d