[Aggiornamento: azione legale collettiva] T-Mobile, Sprint e AT & T sono accusati di vendere i dati sulla posizione del telefono

Aggiornamento 2 (5/6/19 @ 9:34 AM ET): Dopo aver rilasciato dichiarazioni un paio di mesi fa, AT & T, Sprint, T-Mobile e Verizon stanno ora affrontando azioni legali class action identiche a causa dei dati sulla posizione. Maggiori dettagli di seguito. Aggiornamento 1 (1/10/19 @ 19:04 ET): T-Mobile, Sprint e AT & T hanno risposto alle accuse dopo pressione politica. Le loro risposte possono essere visualizzate nella sezione di aggiornamento qui sotto. L'articolo originale segue. Con tutti coloro che si spostano in un mondo online, un nuovo settore si è formato in quello che molti hanno definito "big data". Questo tipo di informazioni può essere qualsiasi cosa, dall'utilizzo dell'applicazione, alla cronologia del browser, alle informazioni sulla posizione e altro ancora. Questo, combinato con l'ascesa dello smartphone, ha reso ancora più facile per le aziende guadagnare denaro anche da questi dati. In questa settimana è appena uscito un nuovo rapporto che accusa tre dei quattro principali operatori wireless negli Stati Uniti (Sprint, T-Mobile e AT & T) di vendere dati sulla posizione degli smartphone. La raccolta dei dati sulla posizione non è nulla di nuovo quando si tratta di Android. Alla fine dell'anno scorso è stato rivelato che Google sta raccogliendo informazioni su dove ti trovi (utilizzando il software Android) anche quando l'utente ha disattivato l'opzione Servizi di localizzazione. Si tratta di informazioni preoccupanti per tutti coloro che apprezzano la loro privacy e la società potrebbe finire per affrontare un'azione legale collettiva su tali pratiche esatte. Tuttavia, il rapporto più recente sui dati sulla posizione non riguarda Google. Invece, proviene dalla maggior parte dei principali operatori wireless negli Stati Uniti. Scheda madre ha recentemente riportato una storia su una persona che ha dato un cacciatore di taglie $ 300 per individuare uno smartphone che avevano perso. Il cacciatore di taglie ha detto al cliente che erano in grado di farlo grazie ai servizi di geolocalizzazione di questi principali operatori wireless. Questo tipo di informazioni è pensato solo per essere utilizzato da personale autorizzato (come la polizia), ma sembra che molti cacciatori di taglie siano stati in grado di ottenere questo tipo di informazioni grazie ad alcuni servizi ombrosi. Tutto ciò che serviva era che la persona desse i soldi del cacciatore di taglie per pagare il servizio e il numero di telefono del dispositivo che avevano bisogno di localizzare. Il cacciatore di taglie ha inviato il numero di telefono al contatto e è tornato al cliente con una schermata di Google Maps che mostra la posizione approssimativa del telefono. Anche se sembra che non sia tecnicamente il wireless trasportare che stanno dando via queste informazioni, la scheda madre ha mostrato come sono stati in grado di ottenere dati sulla posizione del telefono con solo un numero di telefono. I dati sono passati da T-Mobile attraverso varie altre fonti, come mostrato di seguito. T-Mobile -> Zumigo -> microbilt -> Bail Bond Company -> Fonte industria Bail -> Aggiornamento scheda madre 1: T-Mobile, Sprint e AT & T rispondono L'amministratore delegato di T-Mobile John Legere ha risposto alle affermazioni su Twitter. Dichiara che la società sta chiudendo la vendita dei dati sulla posizione a terze parti e finirà di farlo nel marzo del 2019. In realtà ho già parlato di questo, ma lo dirò anche a voi. Siamo in pieno svolgimento e alla fine sarà completamente fatto a marzo, come promesso. Lo stiamo facendo e chiudendoli uno per uno, in modo che i clienti che lo utilizzano per i servizi di sicurezza possano prendere altre disposizioni. – John Legere (@JohnLegere) 10 gennaio 2019 AT & T ha rilasciato a CNET la seguente dichiarazione: "L'anno scorso abbiamo interrotto la maggior parte dei servizi di aggregazione della posizione, mantenendo alcuni dei quali proteggono i nostri clienti, come l'assistenza stradale e la prevenzione delle frodi. Alla luce delle recenti segnalazioni sull'abuso dei servizi di localizzazione, abbiamo deciso di eliminare tutti i servizi di aggregazione delle ubicazioni, anche quelli con chiari vantaggi per i consumatori. "Il portavoce di AT & T in una dichiarazione inviata a CNET AT & T afferma inoltre che le vendite di dati sulla posizione cesseranno interamente in Marzo. Infine, Sprint ha dichiarato a The Verge che la società non condividerà i dati di geolocalizzazione ad eccezione delle richieste di applicazione della legge valide. La società afferma che stanno terminando immediatamente i loro rapporti con Zumigo e Microbilt dopo che le due società hanno fatto un uso improprio dei dati di localizzazione dei clienti di Sprint. Aggiornamento 2: azione legale collettiva I vettori hanno cercato di arginare la situazione a gennaio, ma Z LAW, società di protezione dei consumatori, ha intentato azioni legali collettive contro tutte e quattro le principali compagnie aeree statunitensi. La causa non specifica i danni desiderati, ma fino a 300 milioni di consumatori tra aprile 2015 e febbraio 2019 sono coperti dalla causa (100 milioni per Verizon, 100 milioni per AT & T, 50 milioni per T-Mobile e 50 milioni per Sprint) . La scheda madre ha contattato i quattro operatori per un commento: "Stiamo esaminando la documentazione legale e non abbiamo ulteriori commenti in questo momento." – Sprint "Non possiamo commentare le controversie in sospeso." – T-Mobile AT & T e Verizon non hanno risposto . Seguiremo questa storia mentre continua a svilupparsi. Fonte: scheda madre Il post [Aggiornamento: causa azione di classe] T-Mobile, Sprint e AT & T sono accusati di vendere i dati sulla posizione del telefono apparso prima su xda-sviluppatori.

Commenti

commenti