Correggi Facebook, la sfida di Zuckerberg nel 2018

Il fondatore vuole che il social network non sia una perdita di tempo

Mark Zuckerberg è un uomo di costume. Ogni anno assume una sfida. Nel 2017 è stato proposto di visitare gli stati del suo paese che mancavano per raggiungere i 50 iniziali e conoscere meglio la loro società. Prima di creare un club del libro, scelse 25 libri in un’iniziativa ampiamente accettata. Inoltre è diventato un corridore, correva un miglio al giorno. Tra le sfide superate c’è la costruzione di un sistema di intelligenza artificiale per la sua casa o l’apprendimento del mandarino, la lingua madre di sua moglie Priscilla Chan.

Nel 2018 ha deciso di affrontare una sfida di impatto globale, aggiustando Facebook. Ci sono sempre più voci che accusano il servizio di essere una perdita di tempo a causa della loro costante attenzione e della loro scarsa efficacia nel gestire notizie false. Con la trama russa e la diffusione della propaganda terroristica all’interno del suo servizio come fori principali. Zuckerberg lo riconosce in un post sul suo muro: “Abbiamo molto da fare. Sia per proteggere la nostra comunità contro le molestie e l’odio, sia per le interferenze dei paesi. Vogliamo che il tempo su Facebook sia ben speso.”

Riconosce anche che a volte l’interpretazione delle regole non è corretta: “Non siamo stati in grado di prevenire alcune situazioni. E facciamo molti errori quando eseguiamo le nostre regole, cercando di evitare l’uso improprio degli strumenti. Se avremo successo, finiremo l’anno molto meglio di quanto abbiamo iniziato e con il percorso stabilito “.

È troppo presto per aspettarsi cambiamenti immediati, ma presume che la concentrazione di potere nel loro servizio non sia positiva e genera diffusa sfiducia nel settore tecnologico. “Molti di noi sono arrivati ​​alla tecnologia perché pensavamo fosse una forza decentrata, un modo per mettere il potere in più mani. Con l’ascesa di un piccolo numero di grandi aziende tecnologiche – e con i governi che utilizzano strumenti per monitorare i propri cittadini – molte persone ritengono che la tecnologia abbia finito per centralizzare il potere “, sostiene.

Il visionario, per la prima volta, parla di uno degli argomenti più caldi, la criptovaluta: “Sia la crittografia che le criptovalute sono due tendenze da tenere in considerazione, che prendono il potere dei sistemi centralizzati, ma corrono il rischio di essere difficili. controllare. Sono interessato a saperne di più e studiando l’impatto positivo e negativo dell’essere tecnologie per sapere come usarle meglio nei nostri servizi “.

Zuckerberg, che termina il congedo di paternità dopo la nascita della sua seconda figlia, allunga una mano agli utenti: “Sono desideroso di imparare e risolvere tutti questi problemi tutti insieme”.

Commenti

commenti