Configurazioni telecamera posteriore – Qual è il futuro per Android?

Di recente ti abbiamo chiesto le tue preferenze con i layout delle telecamere posteriori sugli smartphone. Vedendo come Android si è evoluto dal mettere in mostra una singola telecamera posteriore fino a cinque telecamere, la loro collocazione sul retro si presta al fascino estetico del dispositivo, nonché a decisioni pratiche nel tenere il dispositivo per non ostruire il campo di vista della fotocamera con il dito. Ciò che è ancora più importante del layout della fotocamera è l'hardware della fotocamera stessa, poiché influisce direttamente e sostanzialmente sui casi d'uso del telefono. Le singole impostazioni della fotocamera posteriore non avevano molte opzioni per andare in giro, poiché la maggior parte degli OEM tendeva a rimanere con un sensore "normale". I primi anni di Android sono stati anche caratterizzati dalla Megapixel Race, dove ogni OEM ha fatto del suo meglio per riempire il maggior numero possibile di megapixel nella propria fotocamera. Ciò ha comportato una riduzione delle dimensioni dei pixel e un sensore più piccolo, che gli OEM erano felici di accettare a posteriori. HTC ha osato innovare contro l'onda concentrandosi su pixel più grandi con l'HTC One (M7), comprendendo una fotocamera con risoluzione 4MP ma grandi "Ultrapixel" da 2 μm. L'opinione differisce sul fatto che One M7 sia riuscito a combattere il mito che i megapixel significassero tutto: il telefono aveva la scienza che lo sosteneva, ma il marketing si accatastava contro di esso. Il telefono è stato un successo sufficiente per HTC per continuare a fare più ammiraglie e mantenere la fotocamera Ultrapixel. Le doppie fotocamere posteriori hanno richiesto un po 'di tempo per diventare una moda, anche se nel 2011 hanno fatto la loro prima apparizione con dispositivi come LG Optimus 3D e HTC Evo 3D. Utilizzando due telecamere sul retro, gli OEM potrebbero percepire le informazioni sulla profondità utilizzando uno smartphone, simile nel concetto a come funzionano i nostri occhi. HTC ha continuato la sua serie di innovazioni con l'HTC One M8, il successore di One M7 "ultrapixel", aggiungendo una seconda fotocamera sul retro appositamente per acquisire informazioni sulla profondità. Ciò ha permesso agli utenti di aggiungere sfocatura dello sfondo alle immagini o di rifocalizzarle dopo lo scatto. Guardando indietro, sia l'HTC One M7 che l'M8 erano in anticipo sui tempi, poiché le funzionalità che abbiamo visto in quel momento sono ora ampiamente accettate come standard. Purtroppo, l'HTC One M9 si è sbarazzato della fotocamera posteriore secondaria, mentre l'HTC 10 si è liberato della tecnologia Ultrapixel; il resto, come loro, è storia. HTC One M8 con doppia fotocamera posizionata nel centro della parte posteriore. (2014) Le doppie fotocamere posteriori sono diventate popolari anche come mezzo per aggiungere altre funzionalità. Huawei P9 è stato aggiunto in un sensore monocromatico sul retro, promettendo più dettagli alla luce del giorno e meno rumore notturno. L'LG G5, d'altra parte, è confezionato in un obiettivo grandangolare che offre un campo visivo più ampio. Quindi, invece di utilizzare insieme due telecamere posteriori per acquisire informazioni da utilizzare in un'immagine, entrambe le telecamere sul G5 potrebbero funzionare in modo indipendente per dare risultati diversi. Al giorno d'oggi, le doppie fotocamere posteriori sono diventate lo standard su tutti gli smartphone Android, tranne che nelle primissime fasi del segmento di budget. Anche i dispositivi di bilancio come la serie Xmiomi di Redmi sono dotati di doppie fotocamere posteriori, principalmente una normale fotocamera accoppiata a un sensore di profondità, quindi sarà strano quando un dispositivo non verrà fornito con almeno due telecamere posteriori. Dispositivi come Honor View 20 hanno fatto un ulteriore passo avanti introducendo i sensori ToF (Time of Flight) per una precisione molto maggiore con il rilevamento della profondità. Anche la tecnologia di binning dei pixel ha preso piede, e questo è stato reso ancora più popolare dai sensori che hanno iniziato a toccare la risoluzione 48MP per le foto. Con tre fotocamere posteriori, come quella del pioniere del settore Huawei P20 Pro in una normale fotocamera, uno sparatutto monocromatico e una fotocamera con teleobiettivo con zoom ottico 3x. L'idea era di mettere le funzionalità di zoom ottico per l'installazione da Huawei P10. Ciò ha permesso agli utenti di avvicinarsi alle immagini senza perdere dettagli che altrimenti avrebbero perso con lo zoom digitale. L'Huawei Mate 20 Pro ha perfezionato questa configurazione spegnendo il sensore monocromatico (il cui contributo reale è stato contestato da molti) con una fotocamera con obiettivo ultrawide. Poi arrivano gli smartphone con quattro telecamere posteriori, che mischiano e abbinano i migliori casi d'uso visti finora, per fornire un setup che sia teoricamente equipaggiato per gestire qualsiasi situazione. Il Samsung Galaxy A9 (2018) è stato mixato in una fotocamera principale con una fotocamera grandangolare, una fotocamera con teleobiettivo e una fotocamera con rilevamento della profondità, offrendo all'utente finale una varietà molto più ampia di come i fotogrammi potrebbero essere inquadrati. Il Nokia 9 PureView sarà sempre considerato la barra per "pazzi", in quanto ha un totale di sei telecamere posteriori. Tuttavia, nonostante il grande potenziale, l'esecuzione è stata compromessa. Due delle telecamere posteriori sono sensori RGB, tre sono monocromatiche, mentre la sesta telecamera è un sensore ToF. Tutti loro lavorano simultaneamente per creare un'immagine combinata – nessuno di questi può funzionare indipendentemente. L'imballaggio in sei telecamere posteriori richiede ancora lavoro e l'implementazione di Nokia 9 è lungi dall'essere definita perfetta. Nokia 9 PureView con layout a più telecamere. La serie Honor 20 è prevista per il 21 maggio 2019 in occasione di un evento a Londra, e l'immagine del teaser per l'evento si concentra molto sulla configurazione della fotocamera del dispositivo. La prevalenza di "4" nel teaser ci fa credere che potrebbero esserci quattro telecamere sul dispositivo, quindi sarà interessante vedere quale configurazione Honor decide di utilizzare questo particolare dispositivo. Se l'Honor VIew20 è di ispirazione, potremmo vedere almeno una fotocamera posteriore da 48 MP e un sensore ToF. Altre possibili opzioni nella configurazione potrebbero variare da un obiettivo grandangolare, un teleobiettivo o un sensore monocromatico. Resta da vedere quale configurazione esatta viene utilizzata su Honor 20. Teaser image for Honor 20 Per i nostri lettori, vi poniamo queste domande: qual è la configurazione della vostra fotocamera posteriore preferita in un budget ragionevole? Di quante fotocamere hai idealmente bisogno sul retro del tuo dispositivo? Ti accontenti di una camera "normale" con un conteggio MP inferiore, o cerchi attivamente un conteggio MP più alto? Preferisci un conteggio MP elevato con pixel binning o senza pixel binning? Fai clic su sufficienti ritratti per giustificare l'esistenza di un sensore di profondità dedicato o di un sensore ToF o preferisci avere quelli per quando ne hai bisogno? Avete un uso sufficiente per giustificare una fotocamera con obiettivo grandangolare e, analogamente, una fotocamera con teleobiettivo? Pensi che i sensori monocromatici dovrebbero fare un ritorno? Che cosa prevedi sarà il punto debole per le configurazioni delle telecamere posteriori su Android? Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto! Le configurazioni post telecamera posteriore – Qual è il futuro per Android? è apparso prima su xda-developers.

Commenti

commenti